Gioielli Nascosti di Venezia Mare Nostrum-

Artists Need to Create on the Same Scale that Society Has the Capacity to Destroy: Mare Nostrum

a cura di Phong Bui e Francesca Pietropaolo
promosso da Rail Curatorial Projects
Venezia, Pio Loco delle Penitenti
8 maggio 2019 – 24 novembre 2019
dal Martedì alla Domenica 10.00 – 18.00

Inspirata dall’opera testuale al neon di Lauren Bon visibile nella corte — dalla quale prende il suo titolo — questa mostra, insieme alla programmazione pubblica che l’accompagna, 1001 Storie per la sopravvivenza, affronta la crisi ambientale nell’era del cambiamento climatico concentrandosi sul Mar Mediterraneo — crisi di particolare urgenza per Venezia, in pericolo per l’innalzamento del livello del mare. La mostra riunisce 73 artisti di diverse generazioni e back-ground culturali differenti le cui opere selezionate, in una vasta gamma di mezzi espressivi, invitano alla consapevolezza critica sulla fragilità della natura e della vita umana, evocando poeticamente la rigenerazione di sistemi viventi.

Nello spazio centrale della chiesa, l’installazione Passageway [Passaggio] (2013) di Wolfgang Laib introduce i visitatori al prevalente tono meditativo della mostra offrendo una riflessione poetica sul tema del fugace viaggio della vita umana.

L’installazione site-specific di Lauren Bon Inverted Mediterranean Pine [Pino Mediterraneo Invertito] (2019), realizzata in cartapesta, d’acciaio dipinta con carbone prodotto dai recenti incendi boschivi avvenuti in California, è posizionata nelle vicinanze di un foro preesistente nel pavimento della chiesa che rivela le fondamenta e l’acqua sottostante. Il paesaggio sono di Bon, Oratorio Mare Nostrum (2019), opera anch’essa realizzata per la mostra, pone in stretta relazione la laguna e i cicli lunari attraverso la creazione di una mappa per l’ascolto, composta di strati sonori del Mar Mediterraneo. La scultura di Bon St. Jerome’s Study [Lo studio di San Girolamo] (2007), comprendente un tavolo , libri e oggetti ricoperti con catrame, richiama i temi della traduzione ee dell’obliterazione, attirando al contempo l’attenzione sulla minaccia delle fuoriuscite di petrolio nel nostro mare.

La video proiezione su pittura di Shoja Azari e Shahram Karimi, Untitled (Meditation on water surface) [Senza titolo (Meditazione dulla superficie dell’acqua)] (2007), evoca un tranquillo momento di contemplazione.
Nell’esplorare il rapporto tra natura e tecnologia, il nuovo lavoro di Julian Charrière, parte della serie, in corso, Metamorphism [Metamorfismo] (2016–2019), amplifica con intensità i temi dell’effimero e della trasformazione.

Il video di Shirin Neshat, Sarah (2016), crea un paesaggio fisico ed emotivo, nel quale è profondamente sottolineata la relazione tra la Donna e l’elemento dell’acqua.

Presente con il suo staff durante il corso della mostra in uno spazio dedicato (la Sala delle Colonne) la rivista newyorkese Brookliyn Rail — una pubblicazione radicale e gratuita — ricrea il suo “ambiente sociale” a Venezia. All’interno dello spazio di lavoro di Brooklyn Rail è esposta una serie di ritratti realizzati da Phong Bui dal titolo In Conversation #1 [In Conversazione #1] (2011–2019), ed è presentata inoltre The Wall of Offering: To Venice With Love, un’installazione, simile ad un altare, di dipinti, disegni, fotografie e sculture realizzati da un’ampia gamma di artisti affermati ed emergenti. Tra i lavori inclusi vi sono Singer [Cantante] (2008) di Kiki Smith, una scultura raffigurante una giovane con in mano un bouquet di fiori e Honey Collection from the Environmentally Endangered Mediterranean Countries [Collezione di miele dai paesi mediterranei a rischio ambientale] (2007–2019) di Lauren Bon. Sempre in tale spazio sono esposti l’opera al neon Exxtinction (2019) di Justin Brice Guariglia e un video di Newton Harrison A meditation on the Mediterranean [Una meditazione sul Mediterraneo] (2019) insieme al suo libro Book of Lagoons [Libro delle lagune] (1974–1984) che i visitatori sono invitati a sfogliare.

Nella corte è visitabile l’opera al neon di Lauren Bon Artists Need to Create on the Same Scale that Society Has the Capacity to Destroy (2019), e, inoltre, Water Water Everywhere, Not a Drop to Drink [Acqua Acqua ovunque, non una goccia da bere] (2019) di Maya Lin, un’installazione site specific di gocce di rugiada in vetro soffiato che evoca poeticamente il tema dell’acqua. La corte sarà anche animata da performance: durante i ricevimenti d’inaugurazione e chiusura della mostra, Rirkrit Tiravanija, Tomas Vu e Sarah Sze metteranno in scena le loro performances culinarie usando un tavolo multifunzionale —da cucina e da ping pong— realizzato dagli artisti e che rimane esposto nella corte.

Questo sito utilizza i cookie, se acconsenti all’utilizzo continua a navigare, per maggiori informazioni visita la nostra Privacy & Cookie Policy. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close